Gruppi di studio

Le cose che sappiamo le condividiamo, quelle che non conosciamo le studiamo insieme“. Il mondo di Linux e dell’ Open Source è virtualmente illimitato e non sempre ci sono esperti o conoscitori dell’argomento che possono formare su argomenti specifici. I soci del GULLi possono segnalare argomenti specifici e quando l’interesse è condiviso cerchiamo di organizzare dei “gruppo di studio”. I gruppi sono formati da persone che nutrano interesse per un argomento che vogliano studiare ed approfondire con altri. Prima di un ciclo di studio viene indicato un programma di massima, identificando gli argomenti che si vogliono sviluppare in maniera che ogni partecipante possa conoscere gli obiettivi. Viene assegnato un calendario agli incontri, normalmente su base settimanale, ma non esiste una durata: il gruppo prosegue fino all’esaurimento degli argomenti di interesse comune.

(Foto: Wikimedia Commons – CC-BY-SA 3.0)

JOTA JOTI: quando gli scout incontrano il mondo

Sabato 20 ottobre, il G.U.L.Li ha messo a disposizione il proprio laboratorio, attrezzato con 16 computer portatili obsoleti donati da aziende del territorio e ricondizionati dai suoi soci durante le attività di ecoware/trashware per permettere agli Scout livornesi di comunicare durante il Jamboree.

I computer usati hanno circa 10 anni, qualcuno ha 2 GiB di RAM che sono più che sufficienti per un’installazione leggera di Linux Mint e per usare Pidgin per la chat su IRC.

I bimbi siano divertiti e ci siamo divertiti anche noi del G.U.L.Li, a parte quei 5 minuti in cui la rete esterna è andata giù 😉

Leggi l’articolo scritto dagli Scout su lasettimanalivorno.it

Contribuire a Octoprint

Uno degli obiettivi del G.U.L.Li è di cercare di contribuire ai progetti che usiamo e dopo il talk-about su Octoprint che fece il nostro socio Diego Capasso a luglio 2017, inviai 3 piccole correzioni che furono accettate. In seguito ho continuato a contribuire.

OctoPrint è un server web per gestire una stampante 3D che funziona in aggiunta o in alternativa al pannello LCD della stampante. È scritto in Python ed è distribuito con licenza AGPL.

Molte delle modifiche che ho fatto sono piccole e non richiedono grandi conoscenze di programmazione:
elenco di commit
Ad esempio alcune modifiche riguardano errori di battitura nella documentazione per i quali è sufficiente conoscere l’inglese o usare un normale controllore ortografico per il testo o uno specifico per il codice sorgente, come CodeSpell, perché una parte della documentazione è incorporata nel codice sorgente, mentre altre correzioni riguardano errori nella struttura dell’HTML per i quali non server ricordarsi a memoria tutte le opzioni dei tag perché esistono programmi per il controllo automatico e servizi online come il validatore del W3C.
Su GitHub si può vedere l’elenco completo e aggiornato dei miei commit.